Una realtà
che rappresenta
1.500 aziende
e 26 categorie
nell'ambito produttivo, manifatturiero e dei servizi Confartigianato isontino: una grande risorsa del territorio
una GRANDE SQUADRA

scarica l'ultimo numero di Informaimpresa

Scarica l'ultimo numero per essere sempre aggiornato
Archivio arretrati

Contratti per l'energia da fonti rinnovabili

L’Autorità per l’Energia e il Gas ha disposto quest’anno tre verifiche presso altrettanti venditori di energia elettrica derivante da fonti rinnovabili. Un’azione che Confartigianato Gorizia apprezza, in quanto vi è la necessità di rendere sempre più trasparente il mercato. “È bene – spiega il Presidente Ariano Medeot - che i fornitori di energia elettrica siano sottoposti a controlli, perché a volte si ha la sensazione che, sul tema delle rinnovabili, ci siano soggetti che vogliono approfittare della forte sensibilità ambientale delle famiglie o delle aziende ma, purtroppo, poco si può fare quando un contratto è firmato. Se insomma è apprezzabile che vi siano imprenditori o cittadini che vogliano forniture con energia pulita, devono anche esserci adeguate garanzie che questa provenga effettivamente da fonti rinnovabili. Se l’Autorità ha avviato verifiche, vuol dire che qualche problema è stato riscontrato”.

C’è anche un altro aspetto da rilevare, in relazione alle forniture che vengono contrattualizzate. Spiega infatti il Direttore Generale Marco Gobbo: “Verificando delle bollette nei nostri uffici abbiamo riscontrato che certe forniture risultavano sì effettuate con energia da fonte rinnovabile, però l’utente non aveva capito che avrebbe dovuto pagare un costo più elevato. Difficile poter dimostrare che egli non era stato informato, avendo comunque firmato un contratto di fornitura, ma è altrettanto nota la ‘velocità’ di alcune agenzie nel far siglare gli impegni. Tutto viene rilasciato con le carte a posto, ma chi le sottoscrive, molto spesso, non è un esperto e quindi, a volte, firma un contratto più oneroso per effetto di costi non illustrati bene. In questo caso, come Confartigianato Gorizia, invitiamo l’utente a disdire l’accordo alla prima data utile”.

“Per evitare inconvenienti di questo genere – conclude Marco Gobbo – da anni abbiamo attivato il CAEM, il nostro consorzio di acquisto per le forniture di energia elettrica, cui suggeriamo di aderire per contare su tariffe convenienti, controllate e annualmente ricontrattualizzate. Siamo ora molto interessati a sapere quali saranno i risultati delle verifiche dell’Autorità. Tale azione rappresenta un segnale importante nei confronti di tutti i fornitori, affinché ricordino sempre che un mercato libero non è esente dal rispetto delle regole stabilite e dell’utenza”.